Home > Infertilità, Salute, Screening, Prevenzione > ENDOMETRIOSI E FERTILITA’ FEMMINILE

ENDOMETRIOSI E FERTILITA’ FEMMINILE

L’endometriosi è spesso associata all’infertilità femminile, determinandone a volte la causa assoluta o una riduzione importante di fertilità da fattore meccanico. Essa è caratterizzata dalla presenza di tessuto endometriale al di fuori della cavità uterina in altri siti quali per esempio: ovaie, tube, peritoneo e vagina. Ogni mese il tessuto endometriale che si sviluppa in altri organi, sanguinando, provoca un’irritazione di questi tessuti circostanti. Ovviamente essendo tessuto ectopico segue la normale evoluzione del tessuto endometriale perciò aumenta, si arricchisce di sostanze nutritive e poi sfaldandosi causa un forte dolore e infiammazione con danni più o meno gravi negli organi colpiti.
L’endometriosi impedisce spesso la fertilità in quanto la formazione di dense aree compatte impediscono l’esplosione dell’ovulo, se l’endometriosi coinvolge l’ovaio, o può addirittura interferire con il suo trasporto tubarico, se l’endometriosi si focalizza nelle tube di Falloppio.
L’endometriosi colpisce tre milioni di donne solo in Italia, circa una su otto, ma nella fascia di età 29-39 anni ne è affetta una su due. In poche sanno di essere malate, tanto che in media c’è un ritardo di nove anni tra la comparsa dei primi sintomi e la diagnosi. Le pazienti con endometriosi possono avere diversa sintomatologia, i sintomi classici includono dismenorrea e dispareunia. La prima inizia solitamente qualche giorno prima dell’arrivo delle mestruazione e segue per tutto il periodo. La seconda rende estremamente difficile la penetrazione profonda e dopo il rapporto sessuale si manifesta spesso sanguinamento.
In un quadro di infertilità femminile le scelte terapeutiche si orientano in: terapia medica, chirurgica e tecniche di PMA. La direzione in una scelta o in un’altra varia a seconda dell’età della donna, della pregressa chirurgia endometriosica, dallo stadio dell’endometriosi e dai parametri seminali del partner. La scelta medica consiste nella terapia ormonale (la pillola anticoncezionale). La scelta chirurgia, laparoscopica in particolare, tende a prelevare alcuni focolai endometriosici per l’esame istologico e a eliminare i restanti focolai oppure all’eliminazione diretta dei focolai endometriosici con parte di tessuto sano.
Le tecniche di PMA in pazienti con endometriosi risultano efficaci (Harb,2013). Chirurgia e PMA possono essere eseguite in modo complementare. Le tecniche PMA utilizzate possono essere: IUI, FIVET, ICSI. In particolare la FIVET è una valida alternativa negli stati avanzati di endometriosi.
Fonti: Keye – Chang – Rebar – Soules, Infertilità valutazione e trattamento – Verduci Editore, prima edizione 1997.

Di Maria Grazia Massimiani

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: