Home > Curiosando > Bolle di sapone

Bolle di sapone

infermieriinselfie

Sono passati giorni, se non mesi, da quando #infermieriinselfie (la pagina Facebook ufficiale degli Infermieri e dei loro sorrisi) è stata “attaccata” da colleghi che, per diletto, si spacciano giornalisti di primo grado. Pubblicando su alcune testate mediatiche tematiche con tanto di articoli di legge a riguardo l’uso del cellulare per scattare selfies in divisa.

#infermieriinselfie è stata additata, la pagina intendo, in modo subdolo. Riassumendo quello che è successo negli ultimi mesi:

  1. Nasce la pagina, da subito ha una mole enorme di richieste di iscrizione.
  2. La pagina ha successo e continua a crescere.
  3. La pagina inizia a fa parlare di sè e questo inizia a “dare fastidio”.
  4. Molti utenti, che prima partecipavano alla condivisione dei selfies, improvvisamente iniziano a storcere il naso.
  5. Un’altra parte di utenti (in minoranza) giace dietro le quinte in modalità stand-by, studiando e spiando e attendendo il momento idoneo per fare la propria mossa.
  6. La pagina raggiunge i 2500 iscritti e ha altre 1000 richieste di iscrizione in stand by.
  7. vengono fuori le persone di cui al punto 4 e 5: su #infermieriinselfie ci sono figure mitologiche, non infermieri, che spiano e “sparlano” dei professionisti come se fossero dei mendicanti. Affermano la mancanza di professionalità e non rispetto del Codice Deontologico. Spesso, citando organi più grandi di loro, ci spingono alla diffida. Addirittura si parla di denuncia.
  8. Escono i primi articoli riguardanti il rovescio della medaglia: infermieri in selfie toglie del tempo al lavoro, ai pazienti, ai parenti. E’ una pagina scomoda, va chiusa, va segnalata e i professionisti che la utilizzano meritano il richiamo sul posto di lavoro o addirittura l’allontanamento.

Bene, ad oggi, ci tengo a precisare, si è risolto tutto in una bolla di sapone. Nessuno è stato allontanato, nessuno ha ricevuto denunce, nessuno ha fatto nulla. Come volevasi dimostrare dall’inizio: Ci siamo e non permetteremo a nessuno di mandarci via. Prima di preoccuparci dei selfies…Pensiamo a cose realmente più importanti.

Pensare di “smerdare” i colleghi..Il lavoro degli altri… Solo perché si sta dietro una scrivania…E’ una bassezza non da poco.
Ricordatevi sempre che per puntare il dito…Bisogna essere seduti dalla parte della ragione. E da che mondo è mondo li le sedie sono tutte occupate.
A buon intenditore…
Ah, per concludere in bellezza: Chi è causa del suo mal….

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: